Scarpe sposa, che benedizione!?

Dopo la scelta dell’abito da sposa, il passo immediatamente successivo sarà quello della scelta delle scarpe della sposa da indossare per le tue nozze. Un dettaglio importantissimo da non sottovalutare, poiché esse accompagneranno il tuo vestito per tutta la serata. La parola d’ordine nella scelta è armonia, equilibrio e soprattutto eleganza, ricordati che sarai sotto la lente di ingrandimento, quindi tutto deve essere perfettamente coordinato!
Possono essere nascoste o visibili, indossate sotto il vestito da sposa, classiche o moderne, ricamate, lisce o con i pizzi, l’importante è che siano dello stesso colore del vestito.

Scarpa in pizzo

Scarpa in pizzo

I materiali più utilizzati, sono in pregiato raso, in moirè e fresia, pizzo, seta e perline, tipicamente bianche. La sagoma classica ha un tacco di circa 3 cm di altezza, a “dècolletè” ,” alla schiava“, oppure “sabot” per la stagione estiva. Molta importanza è data ai tacchi, un abito lungo quasi sempre sta meglio se abbinato a tacchi alti, quindi le calzature da sposa più moderne possono avere un tacco maggiore, l’importante è indossarle con disinvoltura e grazia, e soprattutto non superare in altezza lo sposo. Se non sei abituata ad usare tacchi, o ad indossare calzature eleganti, ti consiglio di camminarci su un pò, in modo da far abituare il piede alla nuova scarpa.

Le forme più inconsuete vanno dal modello “Charleston“, con cinturino alla caviglia, oppure lo “Stivaletto” primi novecento con tacco a forma rocchetto, color oro invecchiato, alle “Bebè” dalla punta rotonda, che può variare fino a diventare più spigolosa. I colori spaziano dai classici bianco, avorio, panna, champagne, fino ad arrivare ai più originali lilla, oro, blu e rosa. Dettaglio da non sottovalutare sarà il colore della suola, questa dovrà necessariamente essere chiara, visto che in chiesa sarà visibile quando sarai inginocchiata all’altare, per non sbagliare la tonalità e colore della scarpa, sarà sufficiente portare con te un campione della stoffa da adattare al tuo abito.

Ma ahime, mi tocca citare le regole del Bon Ton in fatto di matrimoni;

Lo stivale

Lo stivale

– le scarpe devono essere comunque chiuse, qualunque sia la stagione in cui ci si sposa;
– devono essere comunque scollate di sopra;
– sono perfette se dello stesso tessuto del vestito;
– se non di tessuto, devono comunque essere dello stesso colore dell’abito da sposa;
– devono avere un tacco basso;
– non possono avere punte esagerate;

Le regole delle tradizioni sono dure a morire, ma in realtà oggi ci si discosta molto da quello che esige l’etichetta, e a questo riguardo non è vietata la variazione del colore rispetto al vestito. La moda è venuta in tuo soccorso, dando il benestare agli abbinamenti più estrosi, abbattendo anche le vecchie guardie legate alla forma. Potrai quindi scegliere le scarpe per il matrimonio in tinta con i fiori del bouquet o con  dei particolari di diverso colore ricamati sull’abito.
D’altronde il matrimonio è tuo….. è stato cercato, pensato ed organizzato, e chi meglio di te può sapere cos’è la cosa giusta da fare?